Warning: Creating default object from empty value in /web/htdocs/luoghi.italianbotanicalheritage.com/home/wp-content/themes/ibtviaggi/inc/setup.php on line 177

Carciofo Romanesco

This post is also available in: English (Inglese)

Il Carciofo Romanesco chiamato anche “Cimarolo” o “Mammola”, ha come area di produzione alcune zone laziali ed esattamente quella compresa tra Cerveteri e Ladispoli, ne sono testimoni le raffigurazioni di foglie di carciofo in alcune tombe della necropoli Etrusca di Tarquinia. Alcuni botanici sostengono che fu proprio il popolo etrusco ad addomesticare questo ortaggio, varietà; locale di Cynara cardunculus scolymus. In tempi più recenti è dal dopoguerra che vengono coltivate intensivamente queste piante. A valorizzare, oggi, questo prodotto interviene il Consorzio per la tutela del Carciofo Romanesco che ha ottenuto il riconoscimento IGP (Indicazione Geografica Protetta). Dall’IGP deriva una rigida normativa che disciplina la produzione, i requisiti e le condizioni. Questa pianta erbacea ha un caratteristico colore cinerino e si sviluppa su fusti ramificati. Essendo questa una specie definita “miglioratrice” del suolo, può essere affiancata alle coltivazioni di cereali o altri ortaggi. La disponibilità da novembre ad aprile, viene sottolineate dalla presenza di numerose sagre che celebrano questo prodotto e la sua versatilità in cucina. Presente sui mercati di tutta Italia e d’Europa, andrebbe consumato più possibile fresco ma si conserva bene in frigo per alcuni giorni.

This post is also available in: English (Inglese)

Contatti

Roma(RM)

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione per fornirti una esperienza di navigazione personalizzata