Warning: Creating default object from empty value in /web/htdocs/luoghi.italianbotanicalheritage.com/home/wp-content/themes/ibtviaggi/inc/setup.php on line 177

Castagno “Osteria del Bugeon”

This post is also available in: English (Inglese)

Castanea sativa (Fagaceae)

 

Situato nell’Appennino bolognese questo maestoso castagno stupisce subito il visitatore al primo incontro. Il castagno ha un’età superiore agli 800 anni e la circonferenza del tronco è di 8.60 m, quest’ultimo risulta completamente cavo e all’interno lungo le pareti è stata costruita una panchina che può ospitare fino a 7 persone adulte, all’esterno è stata affissa l’insegna che ne riporta il nome “Osteria del Bugeon”.

Un tempo i castagni cavi erano utilizzati dagli abitanti del luogo come riparo dalle intemperie, rifugio per cacciare l’avifauna che popola questi alberi durante il periodo invernale o come ricovero per gli attrezzi del taglialegna.

Negli ultimi anni i rami, sempre più pesanti, stanno mettendo a dura prova la resistenza meccanica dell’albero che rischia di spaccarsi, per queste ragioni recentemente è stata effettuato una potatura consistente ed è stata posta una grossa fascia intorno al tronco per evitare che si apra sotto il peso dei rami.

 

Come raggiungerlo:

Partendo da Bologna si prosegue sulla statale 64 fin oltre Porretta Terme dove, dopo qualche chilometro si incontrano le indicazioni per la località Badi (comune di Castel di Casio). Poco fuori il paese, nel comune di Camugnano (BO) si trova il grande patriarca.

 

Scheda botanica del castagno:

Il castagno comune è ampiamente diffuso in tutta l’Europa meridionale, il suo areale è stato influenzato dall’attività dell’uomo che fin dai secoli scorsi ha iniziato a coltivarlo per i suoi frutti nutrienti.

La specie è moderatamente eliofila e patisce le gelate tardive. Vegeta bene in presenza di un clima suboceanico, rifugge invece la continentalità.

Predilige terreni sciolti, freschi, ricchi di nutrienti quali potassio e fosforo, a reazione acida o subacida.

Il castagno cresce tra i 200 e gli 800 m di quota sulle alpi, mente tende a spingersi a quote più elevate, 1000-1300 m, sugli appennini meridionali.

La specie è coltivata principalmente per i suoi frutti ma dalla sua corteccia si ricava il tannino utilizzato per la concia delle pelli e inoltre il suo legno è apprezzato come legna da ardere.

 

FOTO: http://www.civica19.com/img/album/alberi_antichi_2012/slides/021%20BO%20Camugnano%20Osteria%20Bugeon%2001.html

This post is also available in: English (Inglese)

Contatti

40030 Castel di Casio(BO)

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione per fornirti una esperienza di navigazione personalizzata