Warning: Creating default object from empty value in /web/htdocs/luoghi.italianbotanicalheritage.com/home/wp-content/themes/ibtviaggi/inc/setup.php on line 177

Cipresso di San Francesco

Cupressus sempervirens (Cupressaceae)

 

Secondo la leggenda mentre San Francesco camminava per i boschi dell’Appennino un ramoscello gli si impigliò alla veste, lo raccolse e ne fece un bastone per il suo pellegrinaggio fino al convento di Verucchio (RI), qui lo bruciò ma il legno non volle bruciare, così Francesco lo piantò e questo iniziò a germogliare e a crescere in un enorme cipresso.

L’età stimata per il cipresso di San Francesco è di circa 800 anni è probabilmente il cipresso più grande d’Italia con una circonferenza del tronco di 6.50m e un’altezza di 25 m. L’esemplare è situato nel chiosco del convento di Verucchio all’interno del quale è presente un dipinto in cui è raffigurata la messa a dimora dell’albero da parte del santo.

Le condizioni fitosanitarie del cipresso sono discrete, richiede cure e attenzioni continue, negli anni 2000 è stata posta anche una struttura di sostegno.

Nei secoli diverse condizioni avverse hanno messo a dura prova la sopravvivenza del vecchio cipresso; nel 1798 si salvò da un incendio appiccato da alcuni soldati francesi, nel 1810 resistette a ben due tentativi di abbattimento e nel 1980 dimostrò tutta la sua voglia di vivere sopravvivendo a una tromba d’aria che spezzò 4m della sua cima.

Il maestoso albero è unico nel suo genere, appare come una scultura, una scultura il cui artista è la natura.

 

Come raggiungerlo:

Uscendo al casello di Rimini Sud si prosegue lungo la statale verso Verucchio, da qui una strada di 5 km porta fino al convento dei frati minori.

 

Scheda botanica cipresso comune:

Albero sempreverde è originario del Mediterraneo orientale, in Italia è presente da tempi antichissimi probabilmente portato nella nostra penisola dagli Etruschi o dai Fenici.

Ora la specie è diffusa in tutta il Mediterraneo sia come pianta coltivata ornamentale sia spontanea.

Si adatta a diversi tipi di terreni, per questo motivo è usata a scopo ornamentale per consolidare terreni sassosi e ripidi. La specie è molto resistente alla siccità ma non ai geli prolungati, può crescere fino a 800 m di quota.

Il legno si presenta duro, compatto, resistente all’acqua e all’attacco dei tarli, per tali ragioni è usato come legno di pregio nella costruzione di infissi e mobili.

Da rami, foglie e frutti (galbuli) è possibile estrarre degli oli essenziali molto profumati utilizzati in profumeria e in farmaceutica.

 

FOTO:

http://www.florablog.it/2010/04/29/primo-albero-monumentale-del-florablog-contest-il-cipresso-di-san-francesco-a-villa-verucchio-rn/

Contatti

47826 Verucchio(RN)

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione per fornirti una esperienza di navigazione personalizzata