Warning: Creating default object from empty value in /web/htdocs/luoghi.italianbotanicalheritage.com/home/wp-content/themes/ibtviaggi/inc/setup.php on line 177

Castagno dei Cento Cavalli

This post is also available in: Italiano (Italian)

Castanea sativa Mill.

Il “Castagno dei Cento Cavalli” è uno dei più famosi alberi monumentali d’Italia. Il suo nome deriva da una leggenda: sotto la sua vasta chioma avrebbero trovato riparo Giovanna d’Aragona ed i cento cavalieri che l’accompagnavano durante una visita all’Etna. Si tratta solo di fantasia popolare anche perché, fonti storiche accertano, la regina Giovanna d’Angiò non venne mai in Sicilia. In ogni caso, nel 2008 è stato nominato Messaggero di Pace dall’UNESCO.

Situato in località Sant’Alfio (CT), viene attribuita un’età di oltre 2.000 anni. In realtà si tratta di tre castagni cresciuti a breve distanza l’uno dall’altro. Le tre chiome hanno una circonferenza di oltre 314 metri mentre la circonferenza, sommata, dei tre tronchi è di circa 22 metri.

Scheda botanica. Grande albero deciduo e molto longevo, il castagno può superare i 500 anni di vita. Appartiene alla famiglia delle Fagaceae ed originario del sud-est Europa. È una pianta moderatamente termofila ed eliofila che ha la capacità di ricacciare vigorosamente se ceduato. L’apparato radicale non è molto profondo e predilige terreni sciolti e ricchi di potassio e fosforo a reazione leggermente acida.In Italia lo troviamo in tutta la fascia montana dell’Appennino e delle Isole e nella fascia pedemontana delle Alpi. È coltivato per la produzione delle castagne e del legname da opera. Dalla macinazione dei frutti si ricava una preziosa farina che in passato era un ingrediente essenziale dell’alimentazione rurale, grazie anche al suo elevato contenuto calorico. Il castagno è una pianta altamente mellifera e pollinifera, per questo si possono vedere spesso apiari nei castagneti durante il periodo di fioritura. Il miele di Castagno è particolarmente ricco di fruttosio, ha una colorazione scura, un retrogusto amaro ed è resistente alla cristallizzazione per lungo tempo. Il legno è più resistente, rispetto ad altri legnami, alle intemperie e si presta per utilizzi in esterno.

This post is also available in: Italiano (Italian)

Contatti

Sant'Alfio(CT)

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione per fornirti una esperienza di navigazione personalizzata