Giardino dei Duchi Guevara di Bovino

Il Palazzo del duca e della duchessa Guevara di Bovino, oggi meglio conosciuto come Villa Porfidia (dal nome degli attuali proprietari), sorge ai margini del centro abitato di Recale. Fu voluto, alla fine del 1700, dalla famiglia Guevara, intima della Casa Reale borbonica, per risiedere più vicino alla corte napoletana nei periodi in cui essa si trasferiva alla Reggia di Caserta, da cui dista solo 4 km. La villa, che ingloba una preesistente torre di guardia, presenta un impianto piuttosto compatto che si sviluppa attorno ad una corte interna. Alla severa architettura della struttura si contrappone un giardino pensile di quasi due ettari realizzato nel 1781 per volontà di Annamaria Suardo Guevara, dama di compagnia della regina Maria Carolina.
Il giardino si sviluppa all’interno dell’antico recinto, antecedente al 1780, e incorpora il preesistente bosco di lecci centenari, dedicato alle battute di caccia. Interessanti gruppi marmorei e alcune fontane, che riproducono in miniatura quelle della Reggia di Caserta, si fondono con le rarità botaniche in gran voga all’epoca creando suggestive scenografie naturali. È strutturato in due parti, una all’italiana e una all’inglese.

I GIARDINI
Il giardino all’italiana, accessibile dalla corte lastricata del palazzo, è composto da un viale centrale delimitato da filari di Agapantus, muri coperti di rose, limoni e tassi centenari (Taxus baccata) potati a cilindro. Si chiude con un padiglione neoclassico, decorato con affreschi settecenteschi, che si specchia in una romantica vasca in cui fioriscono bellissime ninfee. Ortogonalmente si inseriscono i sentieri laterali che dividono lo spazio in riquadri regolari bordati da siepi di bosso. Il parallelo Viale degli ombrellini (lungo 75 metri) rappresenta uno splendido esempio di arte dei giardini settecenteschi in Italia con panchine in pietra lavica che hanno spalliere e braccioli realizzati con piante di bosso (Buxux sempervirens), l’arredamento di ogni panchina è completato da tre bossi alti circa 2,5 metri, potati a forma di ombrellino. In questa parte di giardino sono presenti esemplari di Cinnamomun camphora, Magnolia grandiflora e molte specie di camelia. La transizione verso il gusto romantico importato dall’Inghilterra si riflette nel giardino attraverso la piantumazione, in mezzo ai regolari quadrati “all’italiana”, di una gigantesca canfora e dell’albero dei tulipani (Liriodendron tulipifera), con la prescrizione di lasciarli crescere spontaneamente e senza potatura. Ancora oggi nel giardino si coltiva una rara e pregiata camelia viola (Camellia japonica var. Atroviolacea) che, secondo la tradizione, fu piantata da Lady Emma Hamilton, l’ospite più famosa di questo giardino.

Contatti

Piazza della Repubblica, 5 - Recale(CE)

335 6099462

Altre info

Visite su prenotazione

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione per fornirti una esperienza di navigazione personalizzata