Le sorgenti di Corfinio

Corfinio sorge all’interno della Conca Peligna, tra le valli scavate dai fiumi Aterno e Sagittario, a un’altitudine di 346 m sul livello del mare.
È un piccolo centro ricco di storia e tradizioni, benedetto da acque di sorgente, non ancora sfruttate a fini termali, che rendono fertili i terreni agricoli dove, fino a pochi decenni fa, si coltivavano viti, albicocchi, mandorli, numerosi ortaggi e grano.
La visita di Corfinio può iniziare da piazza Corfino dove è ancora presente la forma dell’antico Teatro Romano, dalla quale si accede al borgo fortificato caratterizzato da palazzotti signorili e strette vie costeggiate da case in pietra. Da vedere anche la Cattedrale di San Pelino costruita nel 1075, probabilmente sui resti di un antico tempio pagano. L’attuale complesso di edifici si articola in tre corpi principali, di cui la cattedrale vera e propria e l’oratorio di S. Alessandro rappresentano il blocco più antico.
Da non perdere durante la visita anche il Museo Civico Archeologico, che ospita una vasta raccolta di reperti dal Neolotico al Medioevo, e l’organizza laboratori interattivi, visite guidate ed eventi, e il Parco Archeologico “Don Nicola Colella”. Quest’ultimo è articolato in tre aree: Piano San Giacomo, Tempio Italico, Santuario di Sant’Ippolito, che mostrano i ritrovamenti delle antiche aree urbanizzate del II – I secolo a.C.
La seconda domenica di agosto a Corfinio si svolge il corteo storico dei Popoli Italici, una sfilata folcloristica per tutto il paese, in ricordo dei tempi passati.

Contatti

Corfinio(AQ)

0864 728100

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione per fornirti una esperienza di navigazione personalizzata