Oasi WWF del Lago di Burano

Il Lago di Burano è una laguna salmastra all’estremità meridionale della Maremma grossetana, nel comune di Capalbio, separato dal Mar Tirreno da una stretta fascia di dune. Dal 1980 il Lago di Burano è riserva naturale dello Stato, e una parte del lago e delle zone limitrofe forma anche parte dell’Oasi WWF del Lago di Burano. Le dune costiere con macchia mediterranea e la vegetazione delle spiagge sono i due tipi principali di ambienti che si trovano, caratterizzati dall’elevata naturalità.

FLORA
La spiaggia è popolata dal narciso di mare (Pancratium illyricum) dalle vistose infiorescenze bianche, e dalla santonina delle spiagge (Othantus maritimus), mentre le zone retrodunali ospitano sia piante cespugliose come il ginepro coccolone (Juniperus oxycedrus), ginepro fenicio (Juniperus phoenicea), mirto (Myrtus communis), fillirea (Phillyrea latifolia), lentisco (Pistacia lentiscus); che da piante arboree come il leccio (Quercus ilex) e le sughere (Quercus suber). Lungo la laguna prende il sopravvento la cannuccia di palude (Phragmites australis) e il giglio dÕacqua (Eichhornia crassipes).

FAUNA
Fra le molte specie di uccelli acquatici che sono stanziali, o che si fermano nel lago per un breve periodo, durante le migrazioni, vi sono il fenicottero rosa, i cormorani, gli aironi, la folaga, la moretta, il moriglione, il germano reale ed il mestolone, il porciglione ed il martin pescatore. Tra i rapaci, sono presenti falco di palude e falco pescatore.

Contatti

Strada Prov.le del Chiarone 35 - Capalbio(GR)

0564 898829

http://www.wwf.it/oasi/toscana/lago_di_burano/

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione per fornirti una esperienza di navigazione personalizzata