Papacella napoletana

La papacella napoletana è un particolare tipo di peperone corto e polputo, dal sapore dolce, molto diffuso nella cucina napoletana e campana.
Si seminano alla fine dell’inverno, mentre la raccolta comincia in piena estate e si estende fino all’autunno inoltrato; e proprio verso la fine del periodo di raccolta vengono messe sotto aceto.
Le bancarelle dei mercati partenopei, a partire dal mese di luglio fino ai primi freddi, traboccano di peperoni colorati ma solo i napoletani autentici – ormai solo quelli di una certa età – sanno cogliere a colpo d’occhio le autentiche papaccelle ricce.
E’ un peperone di colore rosso, giallo o verde, di forma piccola, corto e tondeggiante, molto polposo. Botanicamente appartiene alla tipologia di peperoncini ‘topepo’, anche se non va confuso col ‘topepo rosso’ dalle pareti lisce, perchè la papacella ha una forma arricciata molto tipica, inconfondibile.
Il profumo è molto intenso, il sapore è dolce, ben definito, non piccante, anche se alcune varietà piccanti vengono comunque coltivate.
Deriva il suo nome dal latino volgare: pipiricella(m) > paparicella(m) >paparcella(m) > papaccella(m). In altre regioni, specialmente dell’Italia Centrale, questo particolare tipo d’ortaggio assume i nomi più svariati da “chiacchiera”, “chiochiera”, a “pupacchiella”.

Contatti

Napoli(NA)

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione per fornirti una esperienza di navigazione personalizzata