Platano di Faenza

This post is also available in: English (Inglese)

Platanus acerifolia (Platanaceae)

 

Situato nelle vicinanze del fiume Lamone in quella che un tempo era una corte colonica questo platano monumentale, con una circonferenza di 6.22m e un’altezza di 24m, era sicuramente presente durante la seconda guerra mondiale.

Negli ultimi anni della guerra pare che un battaglione di soldati neozelandesi si trovasse all’ombra di questo grande platano quando i soldati tedeschi aprirono il fuoco uccidendoli, colpendo edifici e capitozzando l’albero. Qualche anno dopo una delegazione neozelandese arrivò a Faenza e volle commemorare i propri soldati caduti in guerra affiggendo al tronco del platano una piccola pietra sacra che tuttora è possibile vedere.

Le condizioni fitosanitarie sono discrete, l’albero interessato da carie e da alcune cavità ha ricevuto ottime cure.

Questo maestoso platano ha un testimone e una vittima della guerra, ancora oggi è visibile la cima capitozzata, ma l’albero non ha mai smesso di vivere e regalarci la sua ampia e globosa chioma ogni anno.

 

Come raggiungerlo:

Percorrendo l’autostrada che da Bologna va verso Ancona, si prende l’uscita Faenza. L’albero si trova al numero 153 di via Lugo.

 

Scheda botanica platano ibrido:

Ibrido spontaneo si è diffuso in Italia e in Europa dove si distribuisce fino al 800m di quota.

Introdotto in Spagna nel XVII secolo diventa uno dei principali alberi ornamentali in Europa durante il periodo napoleonico.

La specie teme la siccità e predilige terreni argillosi, freschi e umidi. E’ specie eliofila.

Usata come pianta ornamentale, il suo legno è utilizzato per la produzione di carta o come legna da ardere.

 

FOTO: http://dati.emilia-romagna.it/id/ibc/tree/735/html

This post is also available in: English (Inglese)

Contatti

48018 Faenza()

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione per fornirti una esperienza di navigazione personalizzata