Warning: Creating default object from empty value in /web/htdocs/luoghi.italianbotanicalheritage.com/home/wp-content/themes/ibtviaggi/inc/setup.php on line 177

Quercia del passo Treia

Quercus pubescens (Fagaceae)

 

Accanto a una casa colonica, in un campo aperto, cresce da oltre 450 anni una maestosa roverella, la circonferenza del suo tronco è di 6.45 m e l’altezza è di 23 m.

Nel 2000 la roverella del Passo Treia viene dichiarata monumento nazionale.

L’albero purtroppo è in fin di vita, le sue condizioni fitosanitarie sono molto precarie e la roverella necessita di continue cure. Il tronco risulta in parte cavo e l’acqua piovana che vi penetra all’interno ristagna, accelerando i processi di degradazione e marcescenza del legno, inoltre l’esemplare è attaccato dal cerambice della quercia (Cerambyx cerdo) e da altri insetti xilofagi. A peggiorare le condizioni di salute della roverella monumentale, nell’agosto 2010 un potente acquazzone spezza un grosso ramo lasciando esposta una consistente ferita discendente. Il ramo viene eliminato e la ferita livellata ma rimane evidente come guardando ora il grande albero, la chioma risulti squilibrata su di un lato.

Per fortuna nel 2012 la provincia di Macerata decide di stanziare 30.000 euro per la messa in sicurezza, per la cura e la salvaguardia di questo monumento nazionale che lotta ogni giorno per la propria sopravvivenza.

 

Scheda botanica della roverella:

La specie possiede un vasto areale, la zona centrale di questo areale si concentra nella parte meridionale dell’Europa.

In Italia la roverella è presente in tutte le regioni.

La specie è eliofila e xerofila, resiste alle basse temperature ma richiede alte temperature nel periodo estivo. Cresce tra i 200 e gli 800 m di quota sui versanti esposti a sud.

Vegeta in boschi e arbusteti aridi.

Al nord della penisola, su terreni calcarei, rocciosi e ben drenati, si associa con orniello, carpino e pino nero. Al centro e al sud si limita a crescere nella parte bassa delle leccete e nella parte alta delle cerrete e dei rovereti.

Il legno della specie è più duro e più pesante delle altre querce, le fibre tendono a staccarsi e per questo risulta meno lavorabile di farnia e rovere, è un ottimo combustibile e produce un ottimo carbone.

 

FOTO:http://www.florablog.it/2011/04/29/alberi-monumentali-la-roverella-di-passo-di-treia-mc/

Contatti

62010 Treia(MC)

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione per fornirti una esperienza di navigazione personalizzata