Warning: Creating default object from empty value in /web/htdocs/luoghi.italianbotanicalheritage.com/home/wp-content/themes/ibtviaggi/inc/setup.php on line 177

Quercia di Donato

Quercus pubescens (Fagaceae)

 

Vicino a quello che un tempo era un insediamento religioso di padri Cappuccini, all’interno di un giovane bosco, cresce indisturbato da circa 750 anni una maestosa quercia.

Date le sue imponenti dimensioni (circonferenza del tronco di 5.70 m e un’altezza di 24 m) è impossibile non notarla. Il suo tronco è tozzo e largo e a circa 3 metri dal suolo partono diverse branche principali che svettano verso il cielo.

Una decina di anni fa l’albero è stato vittima di un tentativo di incendio che ha richiesto successivi interventi dendrochirurgici con la rimozione di una grossa branca.

L’esemplare è iscritto tra gli alberi monumentali dal 1982 e da circa una ventina di anni il paese ne ha chiesto un’ordinanza di tutela comunale.

Probabilmente quest’albero è ciò che resta di un bosco molto più ampio che occupava un tempo la zona e ora sostituito da alberi giovani che forse un giorno saranno anch’essi maestosi e secolari come la roverella di Donato.

 

Come raggiungerlo:

Dalla piazza del comune di Scurcola Marsicana (AQ) si imbocca via dei Cappuccini, da qui si risale per circa 45 minuti fino alla località di Ceppeti dove si trova la quercia monumentale.

 

Scheda botanica della roverella:

La specie possiede un vasto areale, la zona centrale di questo areale si concentra nella parte meridionale dell’Europa.

In Italia la roverella è presente in tutte le regioni.

La specie è eliofila e xerofila, resiste alle basse temperature ma richiede alte temperature nel periodo estivo. Cresce tra i 200 e gli 800 m di quota sui versanti esposti a sud.

Vegeta in boschi e arbusteti aridi.

Al nord della penisola, su terreni calcarei, rocciosi e ben drenati, si associa con orniello, carpino e pino nero. Al centro e al sud si limita a crescere nella parte bassa delle leccete e nella parte alta delle cerrete e dei rovereti.

Il legno della specie è più duro e più pesante delle altre querce, le fibre tendono a staccarsi e per questo risulta meno lavorabile di farnia e rovere, è un ottimo combustibile e produce un ottimo carbone.

 

FOTO:

http://foto.paesaggidabruzzo.com/foto/paesaggi/boschi/43422

 

Contatti

67068 Scurcola Marsicana(AQ)

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione per fornirti una esperienza di navigazione personalizzata