Warning: Creating default object from empty value in /web/htdocs/luoghi.italianbotanicalheritage.com/home/wp-content/themes/ibtviaggi/inc/setup.php on line 177

Quercia Vallonea di Tricase

This post is also available in: English (Inglese)

Quercus ithaburensis subsp. macrolepis (Fagaceae)

La quercia vallonea (Quercus ithaburensis subsp. macrolepis),  è una sottospecie diffusa nel bacino del Mediterraneo, nei Balcani, nelle Isole Greche e in Asia Minore. In Italia è presente solo nel Salento, in provincia di Lecce e, meno, in quella di Brindisi.  Non è ancora chiaro se sia una specie relitta o se sia stata introdotta intorno all’anno 1000 da alcuni monaci basiliani provenienti dalla Grecia per estrarre i tannini ed usarli per la colorazione e la concia delle pelli. Ad avvalorare la seconda ipotesi c’è il fatto che nel Salento la concia delle pelli è stata un’attività molto importante fino al 1800, quando furono introdotti i primi concianti sintetici. Le querce vallonee italiane sono purtroppo state quasi  totalmente abbattute negli ultimi secoli,  per utilizzarne la legna da ardere.

In dialetto tricasino è chiamata “falanida”, “pizzofao” o “lizza-castagna” perché le sue grandi e dolci ghiande vengono mangiate come se fossero castagne.

È inserita nella Lista Rossa Nazionale delle specie rare.

Si tratta di un albero che raggiunge i 15-25 metri di altezza, con una chioma globosa. I rami da giovani sono giallo-bruni, poi diventano lisci e grigi. Fiorisce in aprile. Le ghiande sono solitarie o in gruppetti di 2-3, grande (4 x 2 centimetri), protette da una cupola semisferica con larghe squame, e maturano al secondo anno dalla loro formazione.

A Tricase, all’interno del Parco Naturale Regionale Costa Otranto – Santa Maria di Leuca e Bosco di Trecase,  sulla strada che porta al porto, si trova una esemplare di monumentale: per la sua rarità, le sue imponenti dimensioni (circonferenza del tronco di 4,25 metri, altezza di 22 metri) e la sua  età (stimata intorno ai 700 anni), la Quercia Vallonea di Tricase è uno degli alberi più spettacolari e importanti d’Italia.

L’esemplare è chiamato anche  “Quercia dei 100 cavalieri”, perché secondo la tradizione sotto le sue fronde trovarono riparo da una tempesta Federico II e la sua scorta alla fine del XII secolo, anche se i tempi di fatto non coincidono.

Circa una trentina di anni fa doveva essere abbattuta per far posto a una strada ma per fortuna un ispettore forestale si oppose, salvandola. Nel 2019 è stato eletta Albero dell’Anno Italiano, grazie all’associazione friulana Giant Trees Foundation Onlus, che si occupa della salvaguardia degli alberi giganti nel mondo, e che ha aderito al concorso europeo Tree of The Year, nato nel 2011.

 

 

Come raggiungerla:

La maestosa quercia si trova lungo la strada provinciale che collega Tricase a Tricase Porto (LE)

Altre imponenti esemplari di querce vallonee si trovano a Corignano d’Otranto (altezza 15 metri , diametro della chioma 20 metri), a Taurisano davanti alla chiesetta del Crocefisso in Via Emile Namer e un’altra, molto piccola, si trova vicino a Gallipoli, lungo la strada per Alezio.

 

Scheda botanica della quercia vallonea:

A diffusione balcanica la specie è presente in Asia Minore (Palestina), Albania, Grecia, Creta e altre isole dell’Egeo, Turchia europea e a sud-est dell’Italia (Salento). Il suo areale di distribuzione è stato influenzato dall’uomo. Raggiunge i 15-25 metri di altezza, con una chioma globosa. I rami da giovani sono giallo-bruni, poi diventano lisci e grigi. Fiorisce in aprile. Le ghiande sono solitarie o in gruppetti i di 2-3, grandi (4 x 2 centimetri), protette da una cupola semisferica con larghe squame, e maturano al secondo anno dalla loro formazione.

La specie è semicaducifoglia, eliofila e molto xerofila, non resiste alle basse temperature. Predilige terreni calcarei ma non per forza fertili.

Le cupole delle ghiande contengono fino al 50% di tannino di ottima qualità, una volta utilizzato per la concia delle pelli poi sostituito con il tannino estratto dal castagno, molto più economico.

FOTO:

http://www.florablog.it/2010/07/30/florablog-contest-un-albero-monumentale-straordinario-la-quercia-vallonea-di-tricase-le/

This post is also available in: English (Inglese)

Contatti

73039 Tricase(LE)

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione per fornirti una esperienza di navigazione personalizzata