Sorgenti del fiume Sele e Museo dell'acqua

Le sorgenti del Sele nascono alla quota di 420 m, nel comune di Caposele, da una grande parete rocciosa calcarea sul fianco orientale del monte Paflagone, che fa parte del gruppo montuoso dell’Appennino compreso approssimativamente nel triangolo Avellino-Campagna-Salerno. Fino al 1911, anno in cui furono eseguiti lavori di allacciamento e misura, le sorgenti si presentavano come una serie quasi ininterrotta di sgorghi, che andavano a formare rapide ribollenti, cascate e cascatelle pittoresche. Le acque del Sele alimentavano inizialmente opifici, mulini e gualchiere, vitalizzando l’economia locale, mentre oggi alimentano l’Acquedotto Pugliese, il più lungo d’Europa, con una portata di 4000 litri al secondo. Nei pressi delle sorgenti del Sele, all’interno dei locali della “Casa Houston”, è stato recentemente istituito il Museo delle Acque, che raccoglie una serie di immagini relative alla costruzione della galleria Pavoncelli e dell’intero Acquedotto Pugliese e mira a mettere in evidenza l’importanza dell’acqua come risorsa. La struttura ospita anche il CE.AG.G. (Centro di Aggregazione Giovanile), la biblioteca comunale, il Museo Etnografico con esposizione di reperti della cultura locale e la Porta dell’Anima del Parco regionale Monti Picentini, che rappresenta uno dei quattro punti di accesso al Parco.

Da vedere:
Il Museo Delle Macchine Interattive Leonardo Da Vinci, a Maiori (SA).

 

Contatti

Via Cantiere Eaap - Caposele(AV)

http://caposele.info/website

Altre info

intero euro 2.00; ridotto studenti euro 1.00; gratuito per bambini in età prescolare; disabili e accompagnatori; over 70.

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione per fornirti una esperienza di navigazione personalizzata