Warning: Creating default object from empty value in /web/htdocs/luoghi.italianbotanicalheritage.com/home/wp-content/themes/ibtviaggi/inc/setup.php on line 177

Villa Caruso di Bellosguardo

This post is also available in: English (Inglese)

Villa Caruso di Bellosguardo si trova sulle colline di Ponte a Signa (FI). Di orgini cinquecentesche, nel 1540 fu acquistata dalla nobile famiglia dei Pucci. Nel 1585, il raffinato abate Alessandro Pucci volle farne il suo ritiro lontano dalla mondanità fiorentine e  incaricò l’architetto e antiquario fiorentino Giovanni Antonio Dosio di trasformare la casa padronale ei poderi in un parco di delizie.

La facciata, le volte e le stanze furono affrescate dal pittore Giovanni Balducci;  gli esterni, di cui rimangono solo alcuni elementi, come la grande scalinata doppia e le finestre inginocchiate in pietra serena, furono progettati all’architetto Giovanni Antonio Dosio. Romolo del Tadda, impegnato negli stessi anni nella realizzazione del parco di Boboli, arricchi il giardino con statue di animali. Gli eredi dell’abate continuarono a decorarlo con  statue ispirate ai racconti mitologici e alle forze della natura. L’impianto del giardino risale agli ultimi vent’anni del Seicento e fu probabilmente disegnato da Giuliano Ciaccheri (1644-1705), architetto e ingegnere fiorentino.

Alla fine dell’800 la villa fu acquistata dalla famiglia Campi e nel 1906 dal famoso tenore Enrico Caruso, che nel 1915  la fece restaurare e ingrandire dall’architetto Vittorio Sabatini: quest’ultimo rese simmetrici i corpi dei due edifici preesistenti , unendoli con un lungo porticato, e dà loro l’aspetto tipico delle ville toscane, con pareti semplicemente intonacate, camini e porte in pietra serena. All’interno, fu arredata sontuosamente, mentre il giardino venne suddiviso come una scenografia teatrale. Alla morte del tenore, nel 1921, la proprietà passò prima al figlio Rodolfo e al fratello Giovanni, poi all’ingegner Bianchi, poi al conte de Micheli, cherestituì al giardino l’aspetto rinascimentale, guindi, nel 1990 alla famiglia Gucci e infine nel 1995 venne acquistata dal Comune di Lastra a Signa.

Oggi, dal loggiato della villla si accede al parterre di bosso, dalla caratteristicaripartizione geometrica dei giardini cinquecenteschi tosco-romani. I viali del giardino sono disseminati da sculture dverse, da quelle raffiguranti le antiche divinità a quelle zoomorfe.

Oggi la villa è sede all’Associazione Villa Caruso, che si è costituita nel Dicembre 1996 , allo scopo di promuovereattività di studio, documentazione e divulgazione in campo artistico e culturale e principalmente nel campo della musica e della lirica. Presso la villa vengono infatti orgnaizzati concerti ed altrie venti musicali.

This post is also available in: English (Inglese)

Contatti

Via Bellosguardo 54 - 50055 Lastra a Signa (FI)(FI)

+30 055 8721783

http://www.villacaruso.it

Altre info

Gratuito

Gennaio e febbraio solo il sabato. Da marzo a ottobre, aperto da mercoledì a domenica chiuso

Da marzo a ottobre: sabato, venerdi e domenica: 9-13 e 15-18. Mercoledì e giovedì: 9-13 Gennaio e febbraio: solo il sabato, ore 9-13 e 14-17.

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione per fornirti una esperienza di navigazione personalizzata