Giardino di Palazzo Giustinian

This post is also available in: English (Inglese)

Palazzo Giustinian è una delle più belle espressioni del periodo tardo gotico veneziano. È costituito da due edifici gemelli, entrambi commissionati nella seconda metà del XV secolo dalla prestigiosa e antichissima famiglia Giustinian. Venduti nel XIX secolo, vi abitarono il pittore Natale Schiavoni, che qui installò una pregevole collezione d’arte, ed il compositore Richard Wagner, che tra il 1858 ed il 1859 vi compose il secondo atto del Tristano e Isotta.

IL PALAZZO
È formato da due edifici gemelli: il palazzo di destra, che ospita ambienti dell’Università “Ca’ Foscari”, è conosciuto come Ca’ Giustinian dei Vescovi, dal nome del ramo della famiglia che vi abitava; l’altro, proprietà della nobile famiglia friulana Brandolini D’Adda, come Ca’ Giustinian dalle Zogie.
I palazzi si sviluppano su quattro piani con pianta a L. L’intero prospetto, sviluppato simmetricamente rispetto all’asse centrale, è stato realizzato con l’intenzione di dare compattezza architettonica all’edificio, che rimane percepito comunque come la fusione di due edifici separati. Ogni palazzo presenta polifore centrali per illuminare i saloni principali. Sono anche presenti delle monofore, decorate con fiori apicali, che circondano le polifore centrali. Al secondo piano, invece, si trovano elaborati trafori che decorano le finestre. Ca’ Giustinian dei Vescovi presenta sul retro una corte con una scala gotica, mentre Ca’ Giustinian dalle Zogie un ampio giardino.

IL GIARDINO
Il Cortile di Ca’ Giustinian dalle Zogie è diviso in due parti: un cortile vero e proprio e un giardino all’inglese. Al centro del cortile è conservata una vera da pozzo in marmo (elemento tipico dei cortili veneziani). La pavimentazione del cortile presenta un semplice decoro a spina di pesce che testimonia la sua antichità (forse contemporaneo alla costruzione del grande palazzo). Dal cortile si può osservare la facciata posteriore del palazzo, divisa in due parti, quella di sinistra è una facciata più recente sulla quale si arrampica una maestosa pianta di glicine (Wisteria sinensis). La facciata destra, invece, risale al ‘700 ed è sostenuta al piano terra e al primo piano nobile da colonne doriche e al secondo piano da colonne ioniche. Tra il secondo e il terzo piano si nota un Leone di San Marco in marmo rosso di Verona. L’entrata del cortile di Ca’ Giustinian dalle Zogie è ornata dalla statua di un angelo. Tutto il cortile è circondato e nascosto da un alto muro perimetrale.

This post is also available in: English (Inglese)

Contatti

San Marco, 1364 - Venezia()

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione per fornirti una esperienza di navigazione personalizzata