Orto botanico di Bergamo Lorenzo Rota

This post is also available in: English (Inglese)

L’Orto, fondato nel 1972, è situato nella Città Alta di Bergamo ed è raggiungibile solo tramite una scalinata di 141 gradini. Una volta arrivati, si è ripagati da un bel panorama che spazia sui tetti e sui monumenti della città e sulle prime propaggini delle Prealpi Bergamasche.
Svolge attività di conservazione delle piante minacciate e porta avanti progetti di reintroduzione in natura di specie a rischio, come un tipo di felce, l’Osmunda regalis, una pianta che il medico e botanico Lorenzo Rota, primo descrittore della flora della provincia di Bergamo a cui è dedicata la struttura, aveva segnalato nel 1853 in Val Calepio e lungo il fiume Adda.
Si trovano nell’orto oltre 900 specie collocate in micro-habitat che riproducono ambienti naturali.
All’Orto è possibile consultare, prenotando, l’Erbario Generale con più di 4000 campioni della flora autoctona bergamasca.

COLLEZIONI BOTANICHE
Tra le specie vegetali che caratterizzano l’Orto botanico di Bergamo si segnalano esotiche come fior di loto, papiri, canna da zucchero (Saccharum officinarum), cactus a candelabro o saguaro (Carnegiea gigantea), la palma del Madagascar (Pachypodium lamerei), e autoctone, come Sanguisorba orobica e drosere.

This post is also available in: English (Inglese)

Contatti

Passaggio Torre di Adalberto 2 - Bergamo()

03 5286060

http://www.ortobotanicodibergamo.it/

Altre info

Gratuito. Visite guidate, conferenze, mostre e laboratori per bambini

Da aprile a settembre dalle 9.00 alle 12.00 e dalle 14.00 alle 18.00, sabato e festivi dalle 9.00 alle 19.00. A marzo e ad ottobre dalle 9.00 alle 12.00 e dalle 14.00 alle 17.00

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione per fornirti una esperienza di navigazione personalizzata