Reggia di Venaria Reale

This post is also available in: English (Inglese)

(English transaltion below)

Il complesso della Reggia di Venaria Reale, a 10 chilometri da Torino, è straordinario e immenso.
Riconosciuta dall’Unesco Patrimonio dell’Umanità, è uno dei pi significativi esempi dell’architettura barocca del XVII e XVIII secolo, sia per quanto riguarda la reggia sia i giardini. Oggi è una “reggia contemporanea” aperta a tutti e ogni anno propone una programma di studi, attività e laboratori rivolti alle scuole affinchè la visita diventi uno strumento di conoscenza e una concreta opportunità per educare al patrimonio storico, artistico, culturale e al paesaggio.
Considerata uno dei capolavori assoluti del Barocco, la Reggia si sviluppa lungo 2.000 metri, in una successione di sale e stanze all’interno nelle quali si ripercorrono la storia e le emozioni della corte sabauda anche grazie alle installazioni multimediali ideate da Peter Greenaway.
Tra i luoghi di maggiore suggestione, l’incantevole Salone di Diana, progettato alla metà del Seicento da Amedeo di Castellamonte, la solenne Galleria Grande, la Cappella di Sant’Uberto, le Scuderie Juvarriane, che raccolgono le opere di Filippo Juvarra del Settecento.

I Giardini
I Giardini si estendono per oltre 50 ettari, unendo insediamenti antichi e opere contemporanee. L’aspetto attuale risale agli interventi settecenteschi degli architetti Michelangelo Garove e Filippo Juvarra che li progettarono sviluppando la geometria impostata nel Seicento. Pensati come luogo di svago, divertimento e piacere, sono suddivisi in Parco Alto e Parco Basso.

Il Parco Alto, dal caratteristico schema geometrico a “maglie quadrate”, comprende:

-il Gran Parterre con fiori, piattabande erbose, tassi topiati e vasi di agrumi, al cui crocevia è stata collocata la suggestiva installazione dell’artista Giovanni Anselmo;
-le Allee, cioè i viali alberati, ricostruiti su disegni e rilievi del Settecento e sulle linee nel terreno evidenziate da fotografie aeree;
-i boschetti e il Fantacasino, ideato da Massimiliano Colangelo, ispirandosi alle forme e alle proporzioni del Tempio di Diana: dedicato ai bambini e alle famiglie, ripropone in chiave moderna giochi, macchine, figure fantastiche settecenteschi, che lasciano spazio alla meraviglia;
-il Giardino delle Rose, realizzato su una parte del “Giardino Inglese”, progettato da Juvarra, con strutture di foggia moderna, pergole ricoperta dalla rosa ‘Alberic Barbier’, altre rampicanti e rose rifiorenti a cespuglio ‘Marie Pavie’.

Il Parco Basso include il grande bacino d’acqua della Peschiera (11 milioni di litri d’acqua), lo spazio del Giardino delle Sculture Fluide di Giuseppe Penone, le grotte seicentesche, i resti della Fontana dell’Ercole e del Tempio di Diana, in cui vive una coppia di cigni reali bianchi, collegati da un canale d’acqua, e gli orti e i frutteti del Potager Royal più grande d’Italia. In un’area di circa 10 ettari, intorno alla Cascina Medici del Vascello, dove nel ‘600 e ‘700 si estendevano parte dei Giardini, e nell’800 le coltivazioni estensive da parte dell’Azienda Agricola della Real Casa, sono ricostruiti gli orti e i frutteti, sulla base di ciò che nel Sei-Settecento era un Potager: a forma quadrata, comprende aiuole di coltivazione, vasche, fontane, giochi d’acqua, spalliere di alberi da frutto e pergole per fiori e ortaggi, coltivati secondo i principi dell’agroecologia.
Il frutteto, che abbraccia la Cascina Medici del Vascello, ospita 1700 alberi, messi a dimora nell’autunno del 2010, appartenenti a varietà storicamente presenti nel territorio piemontese e le più interessanti per la qualità organolettica dei loro frutti. Gli alberi sono allevati in due forme principali: a candelabro e a spalliera. Gli alberi della stessa varietà sono stati raccolti in gruppi, per facilitare la cura e la raccolta dei frutti. I frutti sono destinati all’utilizzo immediato, trasformati in conserve e, se abbondanti, anche venduti direttamente.

Il Fantacasino è stato ideato da Massimiliano Colangelo ispirandosi alle forme e alle proporzioni del Tempio di Diana: ripropone in chiave moderna giochi e macchine che lasciano spazio alla meraviglia. Al piano terra del Fantacasino, nella Stanza della Macchine Gioco, il pubblico può divertirsi con il Cacciamostri, lo sparapalline automatico, il Pirlo, la Gruviera, la giostra bicicletta, lo Schojei; al primo piano, nella Stanza della Musica, ci sono il Tartatamburo, l’Animorgano, il Carillon e, appeso al soffitto, il meccanismo che muove i due fantastici “cervi”: Camillo e Delfina.

 

ENGLISH TRANSLATION, thanks to Umberto Mucci, www.wetheitalians.com

The Venaria Royal Palace

The Venaria Royal Palace, 10 kilometers from Turin, is extraordinary and immense. A Unesco’s World Heritage Site, is one of the finest examples of Baroque architecture of the seventeenth and eighteenth centuries, both in the palace and in the gardens. Today it is a “contemporary palace” open to all and each year offers a program of studies, activities and workshops for schools so that the visit become an instrument of knowledge and a real opportunity to educate about the historical, artistic, cultural and landscape beauty if this place.

Considered one of the masterpieces of Baroque, the Palace stretches along 2,000 meters, in a succession of halls and rooms where we can trace the history and excitement of the Savoy court. Among the places of beauty, we can mention the charming “Salone di Diana”, designed in the mid-seventeenth century by Amedeo di Castellamonte; the solemn “Galleria Grande”; the “Cappella di Sant’Uberto” and the “Scuderie Juvarriane” which collect the works of Filippo Juvarra from the eighteenth century.

Gardens
The gardens stretch over 50 hectares, combining ancient settlements and contemporary works. The present appearance dates back to the eighteenth century work of the architects Michelangelo Garove and Filippo Juvarra, who planned them by developing the geometry set in the seventeenth century. Designed as a place for recreation, entertainment and leisure, they are divided into Upper and Lower Park Park.

The Upper Park, with its characteristic geometric square tangles pattern, includes:
– the Grand Parterre with flowers, lintels grass and potted citrus trees, at whose crossroads was placed the evocative installation by Giovanni Anselmo;

– the Allee, aka the tree-lined streets, reconstructed from drawings and reliefs of the eighteenth century and lines in the ground highlighted by aerial photographs;

– the groves and “Fantacasino”, designed by Massimiliano Colangelo, inspired by the shapes and proportions of the “Temple of Diana”: dedicated to children and families, it shows a modern interpretation of games, cars, fantasy figures from the eighteenth century;

– the Rose Garden, built on part of the “English Garden”, designed by Juvarra, with facilities of modern fashion, pergolas covered by the “Alberic Barbier” rose, other climbing plants and remontant roses called “Marie Pavie”.

75 gard 2The Lower Park includes the large water basin of Peschiera (11 million liters of water), the space of the “Giardino delle Sculture Fluide” by Giuseppe Penone, caves from the seventeenth century, the remains of the “Fountain of Hercules” and the “Temple of Diana” (where live a couple of white swans, connected by a channel of water), and the vegetable gardens and orchards of the biggest Italian Potager Royal. In an area of about 10 hectares, around the “Cascina Medici del Vascello”, where in the ‘600 and ‘700 extended part of the Gardens, and in the ‘800 the extensive farmlands part of the Estate of the Royal House, are reconstructed gardens and orchards, on the basis of what in the seventeenth and eighteenth centuries was a Potager: a square, including cultivation of flower beds, pools, fountains, water features, espaliers of fruit trees and pergolas for flowers and vegetables, cultivated according to the principles of agroecology.

The orchard, which embraces the “Cascina Medici del Vascello”, hosts 1,700 trees planted in the fall of 2010, of varieties historically present in Piedmont and very interesting for the organoleptic quality of their fruits. The trees are raised in two main forms: a candlestick and an espalier. The trees of the same variety are collected in groups, to facilitate the care and the harvesting of the fruits. The fruits are for use immediately, transformed into preserves and, if abundant, also directly sold.

 

This post is also available in: English (Inglese)

Contatti

Piazza della Repubblica, 4 - Venaria Reale()

011 4992233

http://www.lavenaria.it/web/

Altre info

Interno: 25 euro, per reggia e Giardini. Proposta famiglia: 1 euro per ragazzi (fino a un massimo di 4) dai 6 ai 15 anni, accompagnati da 1 o 2 adulti. Gratuito per: bambini sotto ai 6 anni, 2 accompagnatori di gruppi scolastici max 25 persone, accompagnatori di disabili, giornalisti incaricati di servizio, militari, dipendenti dei Ministeri dei Beni e delle Attività Colturali e del Turismo, possessori di card particolari. Ridotto: bamni e ragazzi 6-21 anni, magigori di 65 anni, gruppi di min. 12 persone, disabili accompagnati, Personale docente ed educativo (Ministero della Pubblica Istruzione), giornalisti non in servizio, forze dell'ordine, vigili del fuoco, carabinieri in congedo e loro famigliari, dipendenti della Rgione Piemonte, del Comune di venaria Reale, di Gruppo Intesa San Paolo; possessori di varie tessere e convenzioni.

I Giardini sono aperti da martedì a domenica. aperti nei giorni Festivi: il 1° gennaio (ma dalle ore 11), Epifania (6 gennaio), Pasqua e Pasquetta, Festa della Liberazione (25 aprile), Festa del Lavoro (1° maggio), Festa della Repubblica (2 giugno), Ferragosto (15 agosto), Ognissanti (1° novembre), Festa dell'Immacolata (8 dicembre) e Santo Stefano (26 dicembre); giorno di Sant'Eusebio, Patrono di Venaria Reale (14 agosto). Chiusi il 25 dicembre.

dal 19 marzo: da martedì a venerdì, dalle ore 9 alle 17; sabato e domenica, dalle ore 9 alle 19 da aprile al 14 agosto: da martedì a domenica e festivi: dalle ore 9 alle 19 dal 15 agosto al 25 settembre: da martedì a venerdì: dalle ore 10 alle 18; sabato, domenica e festivi: dalle ore 10 alle 20 dal 26 al 30 settembre: da martedì a venerdì, dalle ore 9 alle 17; sabato e domenica, dalle ore 9 alle 19 ottobre e novembre: da martedì a domenica e festivi: dalle ore 9 alle 17 dicembre, gennaio e fino al 7 febbraio 2016: da martedì a domenica e festivi: dalle ore 9 alle 16

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione per fornirti una esperienza di navigazione personalizzata