Villa Cicogna Mozzoni

(English version below)

Villa Cicogna Mozzoni venne realizzata nel 1463 come padiglione di caccia della famiglia Mozzoni e ristrutturata ed ampliata nel terzo decennio del Cinquecento su commissione dei fratelli Francesco e Maino Mozzoni.
Intorno al 1580 Ascanio Mozzoni cercò di riproporre, nella sistemazione dei terreni intorno alla villa, i molti spunti colti durante i numerosi viaggi a Roma e Firenze.

IL PARCO E I GIARDINI
Il parco, in stile rinascimentale, è diviso in sette livelli, ed è in perfetta armonia con le linee della villa. Una particolare attenzione è stata data alla fusione della natura circostante con gli interni, caratterizzati da una decorazione con importanti affreschi, che si affacciano sul giardino all’italiana.
Quest’area, circondata da un’alta siepe di lauro (Laurus nobilis) che fa da quinta alla dimora, presenta al centro aiuole cinte di bosso (Buxus sempervirens), arredate con due fontane a calice.
Lo stile all’italiana si ritrova in tutti e quattro i giardini formali terrazzati che, con peschiere, giochi díacqua, fontane e grotte circondano la villa. Siepi geometriche di bosso, olea fragrans (Osmanthus fragrans) e alloro (Laurus nobilis) fanno da cornice alle fioriture delle aiuole composte da dalie, begonie (Begonia semperflorens), fior di vetro (Impatiens spp).
Sulla collina retrostante alla residenza è presente il parco romantico, in stile inglese e ricco di specie autoctone e non, come faggi (Fagus sylvatica), castagni Castanea sativa), frassini (Fraxinus excelsior), abeti rossi (Picea excelsa), abeti bianchi (Abies alba,) pini silvestri (Pinus sylvestris, tassi (Taxus baccata), lecci (Quercus ilex), albero dei fazzoletti (Davidia involucrata.
Il giardino ha subito innumerevoli interventi con il susseguirsi delle generazioni di Mozzoni, impararentatisi, sul finire del Cinquecento, con la famiglia Cicogna.
La villa oggi è ancora abitata dagli eredi che la gestiscono assieme al vicino podere.

ENGLISH VERSION, thanks to Umberto Mucci, published on www.wetheitalians.com

Villa Cicogna Mozzoni was built in 1463 as a hunting lodge of the Mozzoni family, and renovated and expanded in the third decade of the sixteenth century commissioned by the brothers Francesco and Maino Mozzoni. In the 1580s Ascanio Mozzoni tried to revive, in the settlement of the land around the villa, the many ideas learned during numerous trips to Rome and Florence.

The park, in Renaissance style, is divided into seven levels, and it is in perfect harmony with the lines of the villa. A particular attention has been given to the fusion of the surrounding nature with the interior, characterized by a decoration with important frescoes, which overlook the Italian garden.

This area, surrounded by a tall hedge of laurel (Laurus nobilis), which acts as a backdrop to the house, presents the flowerbeds center walls boxwood (Buxus sempervirens), furnished with two cup-shaped fountains.

The Italianate style is present in all four terraced gardens, with ponds, water games, fountains and caves surrounding the villa. Geometric boxwood hedges, olea fragrans (Osmanthus fragrans) and laurel (Laurus nobilis) frame the blooms of the flowerbeds composed of dahlias, begonias (Begonia semperflorens) and glass flower (Impatiens spp).

On the hill behind the house there is a romantic park, English-style, rich in native and not native species, as beech (Fagus sylvatica), chestnut Castanea sativa), ash (Fraxinus excelsior), spruce (Picea excelsa), white spruce ( abies alba), scots pine (Pinus sylvestris, yew (Taxus baccata), holm oak (Quercus ilex), handkerchiefs tree (Davidia involucrata).

The garden has undergone numerous interventions with the succession of Mozzoni generations, when the family in the late sixteenth century married into the Cicogna family.

The villa is still inhabited today by the heirs, who run it together with the nearby farm.

Contatti

Piazza Cicogna 8 - Bisuschio(VA)

0332 471137

http://www.villacicognamozzoni.it

Altre info

aperto dall'ultima domenica di marzo all'ultima domenica di ottobre, tutte le domeniche e i festivi (Pasqua chiuso)

dalle 9.30 alle 12.00 e dalle 14.30 alle 19.00

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione per fornirti una esperienza di navigazione personalizzata