Villa Sommi Picenardi

This post is also available in: English (Inglese)

Villa Sommi Picenardi fu costruita alla fine del XVII secolo nell’Alta Brianza, ad Olgiate Molgora, su commissione della famiglia Sala che voleva una residenza di campagna. La villa venne annessa a una torre di avvistamento ed un deposito agricolo del XIV secolo. La residenza e gli annessi, che compongono una struttura articolata, si presentano oggi in stile barocchetto lombardo. Si suppone siano stati terminati e ristrutturati intorno all’inizio del XVIII secolo. 
Sul retro della residenza si trova il giardino all’italiana che presenta una struttura a terrazzamenti, divisa al centro da una direttrice prospettica di rampe e scalinate, proporzionata ad un paesaggio di piccole e verdi colline che nascondono il cosiddetto “Giardino segreto”, posto sul retro della proprietà.
Benchè il disegno e la decorazione in mosaico colorato della scalinata siano di ispirazione Romana, esempio raro in Lombardia, i particolari del giardino rivelano già la raffinatezza del XVIII secolo: dalle balaustre e dalla terrazza superiore pendono ghirlande e festoni di rose; tutte le statue, raffiguranti Fauni, Dei mitologici e urne con frutta e verdura, sembrano essere ornamenti da salotto anzichè sculture in pietra d’epoca.

I GIARDINI
Un’ala della villa è affiancata dal giardino del teatro, uno spazio ricco di arte topiaria e circondato da quinte di carpini (Carpinus betulus), che aiutano a far risaltare la prospettiva come in uno scenario teatrale.
Il giardino della villa è stato ingrandito nel 1880 con la realizzazione di un parco paesaggistico all’inglese, che non andò ad intaccare l’antico giardino all’italiana, poichè venne sistemato in area limitrofa. Vennero realizzati: un laghetto romantico, zone con vedute sulla campagna circostante e furono messe a dimora parecchie essenze arboree tra cui un platano orientale (Platanus orientalis), ormai secolare, un faggio asplenifolia (Fagus sylvatica “Asplenifolia”) e alcuni cedri del Libano (Cedrus libani).
Negli anni ’20 del Novecento la villa venne ereditata dal Marchese Paolo Sommi Picenardi di Calvatone, che, essendo un grande appassionato ed esperto di giardinaggio, contribuì a migliorare sia il famoso Giardino Segreto sia il parco all’inglese.
Il complesso rappresenta così un interessante testimonianza storica per l’architettura e l’arte dei giardini conservando, al suo interno sia lo stile regolare che quello paesaggistico o all’inglese.

 

This post is also available in: English (Inglese)

Contatti

Viale Sommi Picenardi, 8 - Olgiate Molgora()

388 0960728

http://www.villasommipicenardi.it

Altre info

Visita del parco euro 8,00; visita del parco e interno della villa euro 15,00

Dai primi di aprile a fine luglio e dai primi di settembre a metà ottobre (su appuntamento)

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione per fornirti una esperienza di navigazione personalizzata