Palazzo Butera

This post is also available in: English (Inglese)

Palazzo Butera è un complesso monumentale sei-settecentesco nel quartiere storico della Kalsa, affacciato sul Foro Italico, con la cosiddetta Passeggiata delle Cattive (in latino captive, con riferimento alle vedove, costrette dal lutto a condurre vita ritirata, passeggiando per esempio su questo terrapieno, non viste da altri), da cui si domina per intero il Golfo di Palermo.

Acquistato nel 1692 da Girolamo Branciforti principe di Butera, il palazzo ebbe il suo massimo splendore soprattutto negli anni Settanta del Settecento, con Ercole Michele Branciforti, in quegli anni tra i maggiori protagonisti della vita politica e culturale della città. In seguito il palazzo passò ai principi di Trabia, che lo abitarono fino allo scoppio della Seconda Guerra Mondiale., quando venne bombardato,  andando in declino. Dopo avere ospitato un ufficio regionale e un istituto scolastico, negli ultimi decenni  è stato utilizzato come sala ricevimenti, usi che hanno aumentato l’alterazione della struttura originaria.

Finché, nel 2016, viene comperato da Massimo Valsecchi con la moglie Francesca, che lo hanno  sottoposto un attento lavoro di restauro, terminato in due anni grazie all’imponente squadra di lavoro (oltre un centinaio di persone fra operai, restauratori, architetti, ingegneri, geometri e artigiani), ripostando alla luce le antiche bellezze, integrati con interventi contemporanei, volti ad  trasformare il palazzo in un museo “domestico“, che raccoglie  la preziosa collezione dei proprietari, comprendente arte antica, contemporanea, oggetti  originali, come il design inglese del primo Ottocento.  Il progetto architettonico e museografico è dell’architetto Giovanni Cappelletti. Al piano terra del palazzo,  vi sarà a breve una biblioteca di consultazione, spazi per le esposizioni temporanee e per le attività didattiche rivolte agli studenti delle scuole e delle università. Il primo piano rimarrà di fruizione privata e verrà sviluppato un progetto di casa-museo, mentre il secondo piano nobile sarà aperto al pubblico. Artisti, curatori e personalità della cultura potranno trovare ospitalità nella foresteria, dove potranno lavorare a progetti di ricerca per le mostre e le attività che si tengono nel palazzo.

Il palazzo si affaccia su due cortili contingui, ornati da alcune piante esotiche, fra cui tre portentose Solandra maxima, rampicanti sempreverdi  che da soli rivestono quasi interamente le balaustre del grande terrzo affacciato sulla prima corte, bouganivillee, Jasminum,  palme, banani, papiri all’interno di una vasca addossata al muro, e una grande Jacaranda mimosifolia, splendido albero della famiglia delle Bignoniaceae, originario del Sud America ma diffuso nel nostro Meridione: cresce proprio accanto all’edificio, sempre nel primo cortile. Durante i lavori di restauro una sua grande e lunga radice è stata ritrovata in un canale di passaggio delle acque piovane rivestito di maioliche del Settecento e dell’Ottocento, che ben dimostra l’intelligenza vegetale: la radice è diventata più sottile dove non ha trovato acqua e si è invece ingrandita in direzione del pozzo. È stata preservata e coperta da un vetro, così la si può ammirare.

Palazzo Butera, inoltre, ospita all’interno del cortile principale un ottimo bistrot, Le Cattive, aperto dalla famiglia Tasca d’Almerita: uno spazio polifunzionale, dove bere un bicchiere dei vini del territorio, gustare dalla colazione alla cena eccellenti piatti della tradzione siciliana rivisitati in chiave moderna, e partecipare al ricco calendario di attività culturali, dagli incontri alle presentazioni di libri.

 

This post is also available in: English (Inglese)

Contatti

Via Butera 18 - 90133 Palermo()

+39 091 7521754

http://www.palazzobutera.it

Altre info

Intero: 7,50 € - Ridotto: 5 € - Gruppi scolastici: 2,50 € - Gruppi scolastici Palermo e provincia: 1,50 € - Gratuito: minori di 18 anni.

Tutto l'anno, da martedì a domenica.

Dalle 10 alle 20.

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione per fornirti una esperienza di navigazione personalizzata